Direttore Sanitario Dott. ANTONIO MANZO

Rubrica del Venerdì 15-01-2021

La Rubrica del Venerdì

Di Fernando Santucci

Consigli, curiosità e riflessioni utili e, forse, necessarie per continuare a vivere in salute

Vorrei tanto iniziare senza nominare l'infido ma, purtroppo, lui è ancora tra noi, baldanzoso come non mai, pronto a colpire in maniera vigliacca, quindi, teniamolo lontano e combattiamolo con tutti i mezzi.

Non arrendiamoci!

Anche se le feste sono ormai un tenue ricordo, il fegato è stato sottoposto a turni di lavoro pesanti, con tanto di straordinari, ed ancora non si è ripreso completamente.

Vediamo come possiamo aiutarlo a ritrovare la sua proverbiale efficienza, mettendo in atto stili di vita che lo aiutino a terminare il processo di disintossicazione:

  • Riduciamo il consumo di alcolici: un bicchiere al giorno per le donne, due bicchieri per gli uomini, una birra e nient'altro, magari con l’accortezza di limitare queste dosi di vino e birra al massimo 3/4 giorni a settimana.

  • Lasciare le sigarette dal tabaccaio o, se si hanno in casa, lasciarle dentro il pacchetto. Vi sembrerà strano ma, il fumo ha una tossicità notevole per le cellule epatiche e tale tossicità è legata ai prodotti della combustione, che possono provocare processi infiammatori ed aprire la porta a malattie come il fegato grasso, o steatosi epatica, e cirrosi.

  • Assumere farmaci solo in casi di vera necessità, sempre consultando il medico in via preventiva. Ricordiamoci che molti farmaci, integratori compresi, vengono metabolizzati dal fegato.

  • Attenti all’igiene sessuale, con raccomandazione all’uso del profilattico in occasione di rapporti occasionali; l’epatite B o C può essere in agguato.

  • Panettoni, torroni, cappelletti e compagnia cantante, oltre ad aumentare il peso, hanno triplicato il lavoro del fegato e possono aver contribuito ad ingrossarlo e ingrassarlo, quindi, proviamo a rendere il suo lavoro meno faticoso, facendo attività fisica aerobica ed adottando una dieta varia, povera di grassi, zuccheri semplici raffinati e ricca di frutta, verdura, cereali, olio d’oliva e legumi.

  • Non è mio carattere essere pessimista, però devo ricordarvi che un fegato sano è una garanzia di buona salute generale; il fegato è come il carburatore, non deve essere ingolfato…

    Sperando che questi consigli vi siano di aiuto, passo alla

Curiosità

Pesce azzurro elisir di lunga vita: sardine, sardoni, sgombri, sugarelli e saraghine sono gli angeli custodi della nostra salute, grazie al loro elevato contenuto in omega 3, sono amici del cuore e del sistema circolatorio; fortificano le ossa, abbassano i valori del colesterolo e dei trigliceridi.

Considerato che da noi ce ne sono in abbondanza ed è possibile trovarli freschi di giornata, vi invito a mangiarli almeno un giorno alla settimana.

La riflessione

Parlare senza pensare è un esercizio facile e alla portata di tutti, purtroppo, molti lo fanno senza aspettare che il cervello sia collegato con la scheda del buon senso, generando liti, incomprensioni e tanto altro.

Av salut e al prossimo venerdì