Direttore Sanitario Dott. ANTONIO MANZO

Rubrica del Venerdì 12-02-2021

LA RUBRICA DEL VENERDÌ
CONSIGLI, RIFLESSIONI E CURIOSITÀ AMICHE DEL NOSTRO BENESSERE
DI FERNANDO SANTUCCI
L’infido è ancora tra noi, non dimentichiamolo, facciamo la nostra parte e mettiamo in atto tutti gli accorgimenti necessari per tenerlo lontano; ci sono buoni motivi per sperare di tornare presto ad una vita normale.
Abbassare la guardia adesso sarebbe davvero pericoloso.
IL CAFFE’
I ritmi di vita che caratterizzano questo triste periodo sono lenti e noiosi, la mancanza di contatti spegne la nostra fantasia ed una vena di sottile malinconia ci avvolge.
È ora di svegliarsi e per questo può essere d’aiuto una buona tazza di caffè.
Vediamo di conoscerne pregi e difetti, iniziando dai pregi:
  • Secondo recenti studi, il caffè, grazie al suo contenuto in caffeina, avrebbe un’azione anti-adipe e può essere d’aiuto anche a chi vuole dimagrire, naturalmente se non viene zuccherato…
  • A basse dosi, un caffè o due stimolano la secrezione gastrica e biliare, aiutando così la digestione.
  • Il caffè è in grado di agire a livello cerebrale, migliorando la memoria, la concentrazione e l’ideazione, dà la carica e dona allegria… ma l’effetto è di breve durata, non più di due ore.
  • Oltre alla caffeina, il caffè è ricco di sostanze antiossidanti ed antiinfiammatorie, attualmente oggetto di studio.
Passiamo ora ad elencare i difetti:
  • Bisogna ricordare che la caffeina aumenta il numero dei battiti e, se assunta in eccesso, può aumentare la pressione, provocare insonnia, tremori ed agitazione; questi effetti variano da soggetto a soggetto ed è bene che ognuno valuti la propria sensibilità alla caffeina e soprattutto al suo dosaggio.
  • Chi soffre di gastrite o ulcera non dovrebbe abusare del caffè; in questi casi, infatti, potrebbe stimolare un’eccessiva produzione di acidi gastrici, nocivi per la salute dello stomaco.
  • Un eccesso di caffè inibisce l’assorbimento di calcio e ferro, il che può provocare anemia ed osteoporosi.
  • La dose massima non dovrebbe superare i 300 milligrammi di caffeina al giorno, vale a dire 3, al massimo 4, tazzine al giorno e distanziate lungo il corso della giornata.
  • È sconsigliata l’assunzione nelle donne in gravidanza.
  • È bene ricordare che il caffè può dare dipendenza.
LA CURIOSITÀ
In tempi di Coronavirus, la permanenza in casa di più persone aumenta la produzione di odori sgradevoli provenienti dalla cucina, se per eliminarli non si vuole ricorrere a prodotti chimici, si può utilizzare dell’aceto mischiato con l’acqua e fatto bollire, in questa maniera i cattivi odore provenienti dalla cucina evaporeranno lentamente.
LA RIFLESSIONE
Il movimento è una medicina che costa poco e fa bene a tutte le età; spesso ci creiamo degli alibi dicendo che non lo facciamo perché siamo diventati vecchi, ma non sarebbe meglio pensare che siamo diventati vecchi perché abbiamo smesso di farlo?
Av salut e al prossimo venerdì